Davvero le aggressioni con movente razziale stanno aumentando in Italia?

Accendi la mente spegni i pregiudizi
Accendi la mente spegni i pregiudizi

Davvero le aggressioni con movente razziale stanno aumentando in Italia?

Comparazione del Servizio analisi Criminale smentisce aumento violenze con movente razziale

Da qualche giorno i media italiani non fanno altro che parlare dei casi di violenze dal movente razziale, o presunto tale, scrivendo titoli come “pericoloso aumento dei casi di violenza dal movente razziale”, “aumento del razzismo in Italia”, cercando di associare questo aumento all’attuale governo M5S-Lega.



E’ veramente così? siamo veramente in allarme razzismo? Gli Italiani sono cambiati così tanto in soli tre mesi? o quelle dei giornali, che pubblicano queste notizie, sono solo delle FAKE?

Daisy Osakue (Torino, 16 gennaio 1996) - aggressione movente razziale
Primatista italiana under 23 di lancio del disco

Il caso della vile aggressione all’atleta azzurra è emblematico. Appena è girata la notizia della violenza subita da Daisy Osaku, per mano di alcuni cretini vigliacchi, si è subito gridato all’aggressione razziale. Cosa che non sto escludendo ma, ad oggi, l’aggravante razziale viene esclusa dalla Procura di Torino.

Lesioni senza l’aggravante razziale. È questo il reato ipotizzato dalla Procura di Torino, al momento contro ignoti, nell’ambito dell’inchiesta sull’aggressione a Daisy Osakue, l’atleta italiana ma di origini nigeriane ferita ad un occhio da un uovo lanciato da un auto in corsa a Moncalieri nella notte tra domenica e lunedì.Ansa

Ebbene, i dati smentiscono quanti scrivono e dicono che in Italia c’è un aumento dei casi di violenza scatenata dall’odio razziale. Alcuni lo affermano in malafede, dando la colpa di questo presunto aumento di casi al governo in carica. Altri lo fanno trascinati dagli articoli di questi “gionalai”, loro colpevoli di aumento di divisioni e clima di odio.

Dispiace vedere il Presidente paragonare l’Italia al far west nonostante i numeri dicano altro e spiegano chiaramente che non c’è alcuna caccia all’immigrato.

I reati sono tali sempre, a prescindere dal colore della pelle, della religione ed altro e come tali vanno condannati e perseguiti, premesso questo, passiamo ai dati.

Il parlamentare M5S Carlo Sibilia ha chiesto al Servizio Analisi Criminale di effettuare una comparazione sui crimini commessi in Italia negli anni 2016, 2017 e 2018. Il tutto facendo particolare attenzione ai casi in cui “stranieri ed extracomunitari risultavano vittime”.

Comprazione Servizio Analisi Criminale
Comprazione Servizio Analisi Criminale

2016 (governo Renzi) a fronte dei 2milioni di vittime di reati, erano 202mila gli stranieri che hanno subito furti, violenze o altro.

2017 (governo Gentiloni) la cifra è scesa a 192mila.

2018 primi sei mesi (di cui due di governo giallo-verde) le vittime straniere sono state solo 85mila. Per la precisione, il Servizio Analisi Criminale ha messo a confronto il primo semestre del 2017 con i primi sei mesi del 2018.

Nel 2017, da gennaio a giugno i crimini contro gli immigrati sono stati 90mila, nel 2018 il dato è calato di 5mila unità (85mila casi).
I dati ribaltano completamente queste tesi bislacche.  I reati nel nostro paese sono in diminuzione grazie alla cultura del popolo italiano e grazie al grande lavoro di prevenzione e sicurezza che fanno le forze dell’ordine.  E di questo gran lavoro beneficiano anche cittadini stranieri ed extracomunitari che sono sempre meno coinvolti, da vittime, in episodi delittuosi.  Grazie alle Forze dell’ordine italiane e grazie al Servizio Analisi Criminale per l’elaborazione rapida e precisa dei dati.  A me pare che in questo paese cambino governi, cambino i politici, cambino dirigenti d’azienda, cambino tutti tranne che certi giornalisti…alcuni di questi non cambiano mai.  Fanno danni alla credibilità dell’informazione nel nostro paese eppure non si muovono mai da quelle sedie.  Fatemi un favore, diffondete questo post, combattiamo le #fakenewsCarlo Sibilia Deputato M5S
Canale Telegram Gioiosa Ionica 5 Stelle
Canale Telegram Gioiosa Ionica 5 Stelle
Per segnalazioni e contatti vai qui

Be the first to comment

Rispondi